IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Proverbi

 

Proverbi (2)

   

 

 

52)  Chi dipinze quadri e Santi va ci inder chavanti

(Chi dipinge quadri e Santi va pi indietro che avanti)

 

53)  Chi manezze nu penezze

(Chi ha le mani in pasta non soffre)

 

54)  Cittostu changhe a vedde nu credu

(Piuttosto che andare a vedere lo credo)

 

55)  Chi se p sarv se srve

(Chi si pu salvare si salvi)

  

56)  Chi lha a lossu si a porte u fossu

(Chi lha allosso se la porta alla fossa ≈ Chi ha un difetto non lo perde)

  

57)  Chi spende pocu spende ass

(Chi spende poco spende molto)

  

58)  Chi pghe prima l m servu

(Chi paga prima mal servito)

 

59)  Chi me va z, chi vive sta sci

(Chi muore va gi e chi vive sta su)

 

60)  Chi nu a remurche a strascin-e

(Chi non la rimorchia la trascina)

 

61)  Chi nu se meze nu de

(Chi non misura non dura)

 

62)  Chi nu n nu n d

(Chi non ne vuole non ne vuole dare)

 

63)  Chi l in m naveghe, chi l in tra gidiche

(Chi in mare naviga, chi a terra giudica)

 

64)  Cittostu che ninte miu vegiu

(Piuttosto che niente marito vecchio)

 

65)  Chi nu a sa f nu se ghe stagghe a mette

(Chi non la sa fare non si comprometta)

 

66)  Chi ne scanse n-a ne scanse mille

(Chi ne evita una ne scansa mille)

 

67)  Chi ha du collu p esse impiccu

(Chi ha del collo pu essere impiccato)

 

68)  Cunusce lerba che fa in tu gran

(Conoscere lerba che fa in mezzo al grano)

 

69)  Chi ha dtu ha dtu, chi ha avu ha avu

(Chi ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto)

 

70)  Chi capisce m respunde pezu

(Chi capisce male risponde peggio)

 

71)  Canga pize, cange furtn-a

(Cambia paese, cambia fortuna)

 

72)  Chi bella divegn in po deve suffr

(Chi bella vuol diventare un po deve soffrire)

 

73)  Chi nha ne verse

(Chi ne ha ne versa)

 

74)  Chi ha pua se srve

(Chi ha paura si salva)

 

75)  Chi ha in mlu vixin ha in mlu mattin

(Chi ha un cattivo vicino ha un brutto mattino)

 

76)  Crne che cresce a nu p st sa nu rumesce

(Carne che cresce non pu stare se non si muove)

 

77)  Cun lrte e cun lingannuse scampe tttu lannu

(Con larte e con linganno si campa tutto lanno)

 

78)  Chi l merda n Fransa l merda n Spagna

(Chi merda in Francia merda in Spagna)

 

79)  Chi nha nori avi de ci

(Chi ne ha ne vorrebbe avere di pi)

 

80)  Chi se sarvi sai di bun

(Chi si salver sar dei capaci)

 

81)  Chi sre ben rve mgiu

(Chi chiude bene apre meglio)

 

82)  Chi nha n-a a d i chen, chi nha sentu i mie ben

(Chi ne ha una la d ai cani, chi ne ha cento le sposa bene)

 

83)  Chi va a durm sensa sen-a ttta a ntte se remen-a

(Chi va a letto senza cena tutta la notte si dimena)

 

84)  Cumme se nasce se pasce

(Come si nasce cos si pascola)

 

85)  Chi nu caze derrue

(Chi non cade precipita)

 

86)  Chi travagge mange pe n, chi nu travagge mange pe d

(Chi lavora mangia per uno, chi non lavora mangia per due)

 

87)  Chi l fridu de man l cdu de c

(Chi freddo di mano caldo di cuore)

 

88)  Chi du fgu porze e de; chi du pan porze a man

(Chi vuole del fuoco porge le dita; chi vuole del pane porge la mano)

 

89)  Chi fa da so testa pghe da so bursa

(Chi fa di sua iniziativa paga di tasca propria)

 

90)  Chi se mette a fabbric se matte a litig

(Chi si mette a fabbricare si mette a litigare)

 

91)  Cose fte pe forsa nu van na scorsa

(Cose fatte per forza non valgono una scorza)

 

92)  Cap bescighe pe lanterne

(Capire vesciche per lanterne)

 

93)  Chi non risica non rosica

(Chi non risparmia non ottiene nulla)

 

94)  Ci ti a rumesci e ci a laspsse

(Pi la rimuovi e pi puzza)

 

95)  Chi nha ne mange, chi nu nha sarrange

(Chi ne ha ne mangia, chi non ne ha sarrangia)

 

96)  Chi vende pente

(Chi vende si pente)

 

97)  Chi va a toa sensa inviu l m vistu e m servu

(Chi va a tavola senza invito mal visto e mal servito)

 

98)  Chi assumen-e arrecgge

(Chi semina raccoglie)

 

99)  Chi nu sente e pule mancu e botte

(Chi non sente le parole nemmeno le botte)

 

100)  Chi ben vive, ben me

(Che bene vive, bene muore)

 

101)  Chi sta ben nu se move

(Chi sta bene non si muove)

 

102)  Chi lasce a vegia e pigge a na ingannu sattrova

(Chi lascia la vecchia e prende la nuova inganno si trova)

 

103)  Chi balle sensa sun o u l nze o u l in muntun

(Chi balla senza musica o un asino o un montone)

 

104)  Chi allghe trve

(Chi conserva trova)

 

105)  Chi l boxrdu u l ladru e u lha ttti i cattii difetti

(Chi bugiardo ladro ed ha tutti i cattivi difetti)

 

106)  Chi ha ditu u gistu lhan impiccu

(Chi ha detto il vero lhanno impiccato)

 

107)  Chi cummense ben u l a mit de lopera

(Chi comincia bene a met dellopera)

 

108)  Chi ha de figge ha di mas-ci

(Chi ha delle figlie ha dei maschi)

 

109)  Cavalli e borche pe chi cavrche

(Cavalli e barche per chi cavalca ≈ usa)

 

110)  Chi ha da corne ha du peccu

(Chi ha della carne ha del peccato)

 

111)  Chi l pu de lgua cda ha pua da frida

(Chi scottato dallacqua calda ha paura della fredda)

 

112)  Chi nu se sa mez va prestu a luspi

(Chi non si sa governare va presto allospedale)

 

113)  Chi troppu sacchin-e u c u ghe p

(Chi troppo si china mostra il sedere)

 

114)  Chi avi ci bun lin fai ci bella tia

(Chi avr miglior lino avr migliore tela)

 

115)  Chi ha faccia a f ha faccia a ressive

(Chi ha faccia per fare ha faccia per ricevere)

 

116)  Chi , tttu p

(Chi vuole, tutto pu)

 

117)  Chi va pe futte arreste futtu

(Chi va per imbrogliare rimane imbrogliato)

 

118)  Chi de speransa vive desperu u me

(Chi di speranza vive disperato muore)

 

119)  Chi mange tuttassemme cghe tuttassemme

(Chi mangia tuttassieme caga tuttassieme)

 

120)  Chi avi na bella famiggia cummense cun na figgia

(Chi vuole avere una bella famiglia cominci con una figlia)

 

121)  Chi sa f sa cummand

(Chi sa fare sa comandare)

 

122)  Chi nu cianze nu tette

(Chi non piange non poppa)

 

123)  Cive delungu unde l bagnu

(Piove sempre sul bagnato)

 

124)  C che nu ha mi vistu camixa quande u lha vista u s scuncagu

(Culo che non ha mai visto camicia, quando lha vista si cagato)

 

125)  Chi lha du, chi lha dargentu e chi lha da csci drentu

(Chi lha doro, chi lha dargento e chi lha da calci dentro)

 

126)  Chi cummense m  finisce pezu

(Chi comincia male finisce peggio)

 

127)  Cresce i anni, cresce i malanni

(Crescono gli anni, crescono i malanni)

 

128)  Chi va appru i tri nu sa

(Chi segue gli altri non sa)

 

129)  Chi sbaglie cu so testa pghe cu so bursa

(Chi sbaglia con la sua testa paga con la sua borsa)

 

130)  Chi nu patisce nu cumpatisce

(Chi non soffre non compatisce)

 

131)  Chi ha da f u cammin ammie u tempu

(Chi deve mettersi in cammino guardi il tempo)

 

132)  C cuntentu u fa a pelle dargentu

(Cuor contento fa la pelle dargento)

 

133)  Chi nu ha de puntu nha don

(Chi non ha puntiglio non ha onore)

 

134)  Chi ha in bun nzu ha in bun brassu e in bun ... manegu de scuassu

(Chi ha un buon naso ha un buon braccio e un buon ... manico di scopa)

 

135)  Chi sta in ta so c gugne in scu e niscin u sa

(Chi sta a casa propria guadagna uno scudo e nessuno lo sa)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.