IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Essere... o non essere

 

Essere... o non essere (5)

   

 

 

266)  Esse ci mollu che a bazzan-a

(Essere pi molle della bazzana)

 

267)  Esse fgu de paggia

(Essere fuoco di paglia)

 

268)  Esse impetru

(Essere impietrito ≈ indurito)

 

269)  Esse in b de bun-a bucca

(Essere un bue che mangia tutto ≈ riferito a persona)

 

270)  Esse cumme u prve de Portusczu

(Essere come il prete di Portoscuso: oggi abbiamo fatto mattanza)

 

271)  Esse gua du can

(Essere acqua del canale ≈ vino leggero)

 

272)  Esse incravattu

(Essere incravattato ≈ elegante)

 

273)  Esse in fiettu tesciu reversa

(Essere un libno tessuto a rovescio)

 

274)  Esse in gabibbu

(Essere un buono a nulla)

 

275)  Esse in sciuriatta donne

(Essere un frusta donne ≈ donnaiolo)

 

276)  Esse in te lacciuffu

(Essere nel vivo)

 

277)  Esse lrtimu mummun

(Essere lultimo)

 

278)  Esse na fantin-a

(Essere una figura di pasta dolce fatta per Natale)

 

279)  Esse na gallin-a locca

(Essere una gallina stupida)

 

280)  Esse pungi non timi

(Essere pungi non temi ≈ permaloso)

 

281)  Esse du c n te n p de brghe

(Essere due sederi in un paio di calzoni ≈ andare daccordo)

 

282)  Esse tintilla

(Essere limpido)

 

283)  Esse appighissiu

(Essere infreddolito)

 

284)  Esse fertu

(Essere gracile ≈ incompleto)

 

285)  Esse in gattu savergu

(Essere un gatto selvatico)

 

286)  Esse in muscn in scia vormarosa

(Essere un moscerino sulla malvarosa)

 

287)  Esse loca du Bedn

(Essere loca di Bedn ≈ volere tutto nel far le parti)

 

288)  Esse na gallin-a de c

(Essere una gallinella di casa ≈ stare sempre in casa)

 

289)  Esse na timballa

(Essere un timballo)

 

290)  Esse allobrsca

(Essere mal messo ≈ malandato)

 

291)  Esse scurrusu

(Essere imbronciato)

 

292)  Esse attascellu

(Essere infastidito da altri)

 

293)  Esse de lancasci

(Essere da poco)

 

294)  Esse in gattu da fresc

(Essere un gatto da frascato)

 

295)  Esse in muscn in sc crne a n b

(Essere un moscerino sulle corna di un bue)

 

296)  Esse in posipano

(Essere eccessivamente calmo)

 

297)  Esse in schivu

(Essere un birbante)

 

298)  Esse in trinchila

(Essere in ghingheri)

 

299)  Esse na garguletta

(Essere una giaretta)

 

300)  Esse na pedemia

(Essere oltremodo lento)

 

301)  Esse cumme i ladri de Pisa

(Essere come i ladri Pisa ≈ di giorno bisticciavano e di notte andavano assieme a rubare)

 

302)  Essighe i mattutini

(Esserci la sveglia ≈ svegliarsi presto)

 

303)  Esse a bttega da Namaria

(Essere il negozio di Anna Maria)

 

304)  Esse a piloga de Bunetti

(Essere la piroga di Bunetti)

 

305)  Esse in carnucciun

(Essere il nucleo di base di un foruncolo)

 

306)  Esse in mottu du

(Essere un pezzo doro ≈ valere tanto)

 

307)  Esse na pana ciatta

(Essere un paniere piatto)

 

308)  Essighe in burbuggiu tttu plu

(Esserci un brusio continuo con fermento)

 

309)  Esse na trta gria

(Essere una trota incinta)

 

310)  Esse cumme dva un dva ltru

(Essere come diceva uno diceva laltro)

 

311)  Esse abbrau

(Essere stretto)

 

312)  Essighe u tribullu battutu

(Esserci il tribolo continuo ≈ tormento in continuazione)

 

313)  Essighe i ggi da cianze e u c da suspi

(Esserci gli occhi per piangere e il cuore per sospirare ≈ miseria assoluta)

 

314)  Essighe accabanu

(Esserci rabbuiato ≈ il cielo coperto)

 

315)  Esse o an a rud

(Essere o andare a vagabondare)

 

316)  Esse galiffa fin

(Non contare nulla)

 

317)  Esse in lassu

(Essere una spigola ≈ sciocco)

 

318)  Esse incallu

(Essere incallito)

 

319)  Esse imprumunu

(Covare sdegno)

 

320)  Esse in rinspn

(Essere un essere minuscolo)

 

321)  Essighe na Babilonia

(Esserci una Babilonia)

 

322)  Esse in taccu che balle a sun de cugge

(Essere un tacco che balla alla musica dei coglioni)

 

323)  Essighe tttu incastellu

(Esserci tutto incastellato ≈ preparato)

 

324)  Esse cumme Braghetta: passu de s devu un ri, passu de l devu in atru ri

(Essere come Braghetta: passo di qua devo 50 centesimi, passo di l devo altri 50 centesimi)

 

325)  Esse a bella di sette amanti

(Essere la bella dei sette amanti ≈ molto corteggiata)

 

326)  Esse in Santu sensa vigilia

(Essere un Santo senza vigilia ≈ di poca importanza)

 

327)  Esse intrunciu

(Essere imbronciato)

 

328)  Esse scu cumme n pulin

(Essere bagnato come un pulcino)

 

329)  Esse cumme menla a n mrtu

(Essere come menarla a un morto ≈ inutile)

 

330)  Esse in vin che rissaive pocgua

(Essere un vino che riceve poca acqua ≈ irascibile)

 

331)  Esse crne e ci

(Essere carne e cavoli ≈ andare daccordo)

 

332)  Esse desvalixu

(Essere vestito con abiti leggeri)

 

333)  Esse in balansa

(Essere in bilico)

 

334)  Esse in brecche bullu

(Essere un pazzerellone)

 

335)  Esse ingrtu cumme u peccu

(Essere ingrato come il peccato)

 

336)  Esse in scavzu

(Essere uno scarafaggio)

 

337)  Esse in tacchegnu

(Essere un attacca brighe)

 

338)  Esse na seppa

(Essere un ceppo ≈ duro)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.