IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Modi di dire

 

Modi di dire (5)

   

 

 

293)  Quande lze u l mortu du rie

(Quando lasino morto dal ridere ≈ intervenire in ritardo)

 

294)  Re tantu da fse an a bucca di uegge

(Ridere tanto da farsi andare la bocca agli orecchi)

 

295)  Rie pe nu cianze

(Ridere per non piangere)

 

296)  Repiggi a so ciiga

(Riprendere la sua piega)

 

 

297)  Rie na vtta pe messa de mezantte

(Ridere una volta per la messa di mezzanotte)

 

298)  Rump u rastellu da gexa

(Rompere il cancello della chiesa ≈ quando si perdono gli incisivi)

 

299)  Rumpse lossu du collu

(Rompersi losso del collo ≈ lavorare molto)

 

300)  Rmose in tra

(Rotolarsi per terra)

 

301)  Rattel cumme na battila

(Mugugnare come una raganella)

 

302)  Ruddiggi fru

(Rosicchiare ferro)

 

303)  Rumpise u cannarossu

(Rompersi losso del collo)

 

304)  Sse u pendin de lueggia

(Sudarsi il lobo dellorecchio ≈ costare molta fatica)

 

305)  Scigse a lnetta

(Asciugare lugola ≈ parlare molto)

 

306)  Scapp cumme in guttu

(Scappare come un razzo)

 

307)  Se a pan: se nu cive anc cive duman

(Cielo con nuvole a forma di pane: se non piove oggi piove domani)

 

308)  Se ti ghe nduven-i cusse gh in tu cartallu te ne daggu in rappu

(Se indovini cosa ho nel cestino te ne do un grappolo)

 

309)  Sent u scrosciu

(Sentire lo scroscio ≈ subire le conseguenze)

 

310)  Savi de vurchn

(Odorare di vulcani ≈ puzzare)

 

311)  St i custi

(Saltare i cespugli ≈ volubile in amore)

 

312)  Sose a galletta

(Sudarsi la galletta ≈ faticare molto)

 

313)  Sacciise cumpurt

(Sapersi comportare)

 

314)  Strepp u buggi

(Strappare la fune del secchio ≈ mettere o essere messa incinta)

 

315)  Scrusc cumme na pateca

(Scricchiolare come unanguria)

 

316)  St ass o pocu a immerduse

(Stare molto o poco a perdere le staffe)

 

317)  Savi de baciami subito

(Odorare di baciami subito ≈ puzzare)

 

318)  Sentise straccu

(Sentirsi male)

 

319)  Stiss i cuppi

(Gocciolare le tegole, piovere)

 

320)  Sutta i freschi

(Avanti i freschi ≈ i sostituti)

 

321)  Scarunf a crne

(Sentirsi friggere la carne)

 

322)  Tempu persu, f straggiu e pesse m misse

(Tempo perso, filo sprecato e pezze mal messe)

 

323)  Tucc a lnetta

(Pizzicare lugola)

 

324)  Ti a sa cui denti

(Tirare la suola con i denti ≈ vivere di stenti)

 

325)  Ti strinchette

(Sgambettare)

 

326)  Succede cumme u prepostu d lampa

(Succedere come al finanziere del lampione ≈ sparire)

 

327)  Tri de sccu e du de caff

(Tre di zucchero e due di caff ≈ per indicare la scarsit)

 

328)  Ti u c a laguggia

(Tirare lago ≈ cucire)

 

329)  Ti du sciuin

(Spillare dallo spillo della botte)

 

330)  Trem cumme na balina

(Tremare come una ballerina)

 

331)  Ti a carretta

(Tirare la carretta ≈ vivere di stenti)

 

332)  Ti u sciabeghellu

(Tirare lo sciabichello)

 

333)  Ti scaffi

(Impazientire con scatti)

 

334)  Ui tttu meza da bucca

(Voler tutto secondo la misura della bocca)

 

335)  U miu na pinta e a mugg na pinta e meza

(Il marito una pinta e la moglie una pinta e mezza)

 

336)  Ui savi cun e run e santa Cruxe

(Voler sapere tutti i particolari)

 

337)  Vira che te vira u ghha da incuccighe

(Gira che rigira deve cascarci)

 

338)  Vedde i purchetti

(Vedere i porcellini ≈ non dormire la notte)

 

339)  Vegn z e ruazze

(Venir gi il temporale)

 

340)  Vir cumme a parpagioa inturnu u lme

(Girare come la falena intorno al lume)

 

341)  Vagni a fte d na s-cippett

(Vai a farti dare una schioppettata)

 

342)  V ci na bun-a cagadda che na bun-a mangiadda

(Vale pi una buona cagata che una buona mangiata)

 

343)  Vir u cantu e dghe na garrunadda

(Svoltare langolo e dare un colpo di tallone)

 

344)  Veddisu intrevegn

(Vederselo capitare)

 

345)  Vende vasetti in sci canti

(Vendere vasetti agli angoli)

 

346)  Vedde o f vedde u su a quadretti

(Vedere o far vedere il sole a quadretti)

 

347)  Vegni u bgettu gua

(Venire laffanno alla gola)

 

348)  Vgni che tammiu perch p ci n ggiu che na s-cippett

(Vieni che ti tolgo il malocchio perch pu pi un occhio che una fucilata)

 

349)  Vir u rostu

(Girare larrosto ≈ fare doppia faccia)

 

350)  Zgu de man, zgu de villan

(Gioco di mano, gioco da villano)

 

351)  Zgghe u collu

(Giocarci il collo scommetterci)

 

352)  Zi i denti

(Sentirsi gelare i denti)

 

353)  Zgseghe a camixa

(Giocarsi la camicia ≈ scommettere molto)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.