IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Essere... o non essere

 

Essere... o non essere (3)

   

 

 

135)  Esse na sardenetta cu ransiu

(Essere una sardina rancida)

 

136)  Esse na guordia svissera

(Essere una guardia svizzera ≈ impettito)

 

137)  Esse na csa de pin

(Essere un ceppo di pino ≈ duro di comprendonio)

 

138)  Esse in zuenuttin de primmu pi

(Essere un giovanotto di primo pelo)

 

139)  Esse in stenteriu

(Essere un avventato ≈ sbadatone)

 

140)  Esse in sciu vezu

(Essere sul posatoio ≈ stare in alto)

 

141)  Esse in nu

(Essere un buono a nulla)

 

142)  Esse in mangiunassu

(Essere un mangione)

 

143)  Esse cumme i gatti n ta stuppa

(Essere come i gatti nella stoppa ≈ imbrogliati)

 

144)  Esse in cru

(Essere un corvo ≈ di malaugurio)

 

145)  Esse giancu e russu cumme na mia

(Essere bianco e rosso come una mela ≈ colorito)

 

146)  Esse ftu cu pennacca

(Essere fatto col pennato ≈ male)

 

147)  Esse appissu

(Essere appuntito)

 

148)  Esse ci lungu che e tr e de ntte

(Essere pi lungo delle tre di notte)

 

149)  Esse freggge cite d toa

(Essere briciole cadute dal tavolo ≈ parlare per sentito dire)

 

150)  Esse cumme macurd in mezu da setteman-a

(Essere come mercoled in mezzo alla settimana ≈ sempre a mezzo)

 

151)  Esse fattu cumme a lesca

(Essere insipido come la lisciva)

 

152)  Esse in Bambin in tu cuffin

(Essere Ges Bambino nel cestinetto)

 

153)  Esse de manega lorga

(Essere di manica larga)

 

154)  Esse in campin de Parigi

(Essere un campione di Parigi ≈ buono a nulla)

 

155)  Esse in lu

(Essere un noioso piagnucolone)

 

156)  Esse in sci de niquit

(Essere un fiore di iniquit)

 

157)  Esse in facussn

(Essere un cetriolo da semenza ≈ incapace)

 

158)  Esse in trun

(Essere un tuono ≈ sgarbato e ignorante)

 

159)  Esse na ca de can

(Essere una coda di cane ≈ lunga)

 

160)  Esse na pelle da tambu

(Essere una pelle da tamburo ≈ dura)

 

161)  Esse ghissu e sci

(Essere da mandar via)

 

162)  Esse carregu de lascime st

(Essere carico di lasciami stare ≈ preoccupato)

 

163)  Esse na peste

(Essere una peste ≈ tormentapopoli)

 

164)  Esse tttu bssun

(Essere tutto pieno di foruncoli)

 

165)  Esse u me idele

(Essere il mio ideale)

 

166)  Esse seccu cumme n cidu

(Essere magro come un chiodo)

 

167)  Esse na vacca spagnolla

(Essere una vacca spagnola)

 

168)  Esse n ossu da mortu

(Essere un osso da morto ≈ scheletrito)

 

169)  Esse n avurtoiu

(Essere un avvoltoio ≈ ingordo, avido)

 

170)  Esse in tu ellu

(Essere ingessato)

 

171)  Esse in sperdissiu

(Essere un dissipatore)

 

172)  Esse in scransu

(Essere uno screanzato)

 

173)  Esse in rattupenngu

(Essere un pipistrello)

 

174)  Esse in mottu de nive

(Essere un pezzo di neve ≈ freddo in tutto)

 

175)  Esse in cinzinonna

(Essere un piagnucolone)

 

176)  Esse affri seri

(Essere affari seri)

 

177)  Esse bibincu

(Essere avaro)

 

178)  Esse cumme e mie morse

(Essere come le mele marce ≈ attaccarsi)

 

179)  Esse de morsciu bun

(Essere di morso buono ≈ mangione)

 

180)  Esse fenuggetti allze

(Essere anicini allasino ≈ sciupato)

 

181)  Esse imbescigu

(Essere confuso)

 

182)  Esse in b de mlu rangu

(Essere un bue di cattivo rango ≈ scadente)

 

183)  Esse ingrtu cumme u peccu

(Essere ingrato come il peccato)

 

184)  Esse in rattu da cundtu

(Essere un topo da fogna)

 

185)  Esse insciu cumme in baggiu

(Essere gonfio come un rospo)

 

186)  Esse lorca de Nu

(Essere larca di No)

 

187)  Esse menstra ascd

(Essere minestra scaldata ≈ in ritardo e per forza)

 

188)  Esse na lume da man

(Essere un lume a mano ≈ untuoso)

 

189)  Esse ordeniu cumme u pan da chen

(Essere ordinario (rustico) come il pane da cani)

 

190)  Essighe u ventu tra bucca e bucca tra na bucca e ltra

(Esserci il vento tra bocca e bocca tra una bocca e laltra ≈ da nord e da sud)

 

191)  Esse u Culn du Tuccuftu

(Essere come Culin di Tuccuftu ≈ faceva tutto e non faceva niente)

 

192)  Esse a cumpagna da mnega inversa

(Essere la compagnia della manica rovesciata)

 

193)  Esse ci lentu che a trattga

(Essere pi lento della tartaruga)

 

194)  Esse o parl cumme in mlaspissiu

(Essere o parlare come un presuntuoso)

 

195)  Esse frescu cumme largentu

(Essere fresco come largento)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.