IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Modi di dire

 

Modi di dire (4)

   

 

 

210)  Lig lze dunde u padrun

(Legare lasino dove vuole il padrone)

 

211)  Lx cumme in berodu

(Luccicare come un sanguinaccio)

 

212)  L cumme ti sci lgua cu cartallu

(Come tirare su lacqua con un cestino)

 

213)  Lig e campan-e

(Legare le campane ≈ per la settimana santa)

 

214)  Lascighe a lnetta

(Lasciarci lugola a forza di dire)

 

215)  Lengua aggittime se nu te taggiu

(Lingua aiutami se no ti taglio)

 

216)  Lze a cundta

(Leggere la condotta ≈ rimproverare)

 

217)  Lo cumme in b

(Urlare come un bue)

 

218)  Lx cumme n spegiu

(Luccicare come uno specchio)

 

219)  Lucci in tu manegu

(Ciurlare nel manico ≈ incertezza)

 

220)  Lavse au sguassu

(Lavarsi a guazzo)

 

221)  Mette anguscia e cu de cag

(Stimolare vomito e voglia di andar di corpo  ≈ comportamento antipatico)

 

222)  Mangi da descxise

(Mangiare da scucirsi ≈ molto)

 

223)  Mette n a pan dumandu

(Mettere uno a pane domandato ≈ essere insistente)

 

224)  Mand a fse d na s-cippett

(Mandare a farsi dare una schioppettata ≈ quando si mangia troppo)

 

225)  Mangi pan scitu

(Mangiare solo pane)

 

226)  Mette a camixa u su

(Mettere la camicia al sole ≈ esporsi)

 

227)  Mamma, Tgnu u me tucche; tucchime, Tgnu, tucchime!

(Mamma, Tonio mi tocca; toccami, Tonio, toccami!)

 

228)  Mai sta figgia!

(Sposare questa figlia ≈ realizzare qualche cosa)

 

229)  Mangi cu p sutta a toa

(Mangiare con i piedi sotto il tavolo ≈ con comodo)

 

230)  Mand du Tu

(Mandare allisola del Toro ≈ mandare al diavolo)

 

231)  Mand o an in gala

(Mandare o andare in galera)

 

232)  Mangi cumme i chen

(Mangiare come i cani ≈ male)

 

233)  Mes-ci tregge e locchi

(Mischiare triglie e menole ≈ considerare tutto allo stesso modo)

 

234)  Mangi pan a tradimentu

(Mangiare pane a tradimento ≈ senza guadagnarselo)

 

235)  Mette a spuz in lettu

(Mettere la sposa a letto ≈ procurare moglie)

 

236)  Mes-cio belin e taranin-e

(Mescolare pene e funicella per la trottola)

 

237)  Mettise a pelle u su

(Mettersi la pelle al sole ≈ esporsi)

 

238)  Mull in bandu

(Mollare in bando ≈ lasciar correre)

 

239)  Mangi a quattru ganasce

(Mangiare a quattro ganasce ≈ molto)

 

240)  Mette n in lesca

(Mettere uno in lisciva ≈ criticare)

 

241)  Mettine n-a pe cantu

(Metterne una per angolo ≈ parlar male)

 

242)  Mand a allev i porchi

(Mandare ad allevare maiali)

 

243)  Mettise a lengua da festa

(Mettersi la lingua della festa ≈ dire tutto senza riguardo)

 

244)  Munt e ie da lebecci

(Venir le nuvole da libeccio ≈ preavviso di tempo cattivo)

 

245)  Mette i serci a bagnu

(Mettere i cerchi di ferro a bagno ≈ dimostrazione di ignoranza)

 

246)  Mangi cui sprai dinturnu

(Mangiare con gli sparvieri attorno ≈ gente che parla)

 

247)  Nu avi de pula in bucca

(Non avere parola in bocca ≈ che parla poco)

 

248)  Nu puasa pi

(Non poterla digerire ≈ mandar gi)

 

249)  Nu avi mancu testa a vedise

(Non avere neanche voglia di vedersi)

 

250)  Nu cunt e nu marc

(Non contare e non marcare ≈ essere inutile)

 

251)  Nu essighe da fise du nzu bucca

(Non esserci da fidarsi dal naso alla bocca)

 

252)  Nu mangi pe nu cag

(Non mangiare per non cagare ≈ avaro)

 

253)  Nu esse ci bun da d i chen

(Non essere pi buono da dare ai cani)

 

254)  Nu gh drin! drin!, gh lte

(Non ci vuole drin! drin!, ci vuole latte ≈ per le pecore che non ne fanno)

 

255)  Na saietta! Nassimn-a!

(Un fulmine! Un accidente!)

 

256)  Nu st in ta pelle

(Non stare nella pelle ≈ essere ansioso, irrequieto)

 

257)  Nu savi f lo c gttu

(Non saper fare la O col bicchiere)

 

258)  Nu savise d notta u collu

(Non sapersi dare un nodo alla gola ≈ non saper far niente)

 

259)  Nu f n cdu n fridu

(Non fare n caldo n freddo ≈ restare indifferente)

 

260)  Nu essighe corda che impicche

(Non esserci fune che impicchi ≈ incontentabile)

 

261)  Nu avi c e lgu

(Non avere cuore e luogo ≈ non poter stare fermo)

 

262)  Piggi in scosu

(Prendere in grembo)

 

263)  Piggi lazggiu

(Prendere eccessiva confidenza)

 

264)  Puisa allungh ma scappul nu

(Poterla ritardare ma non evitare)

 

265)  Nu esse n oca n oxellu

(Non essere n oca n uccello ≈ insignificante, indefinito)

 

266)  O fa e fighe o te taggiu

(O fai i fichi o ti taglio ≈ allalbero che non d frutto)

 

267)  Parl cumme n libbru stppelu

(Parlare come un libro stracciato ≈ sconclusionato)

 

268)  Nu assnse a f de ben

(Non sognare a far del bene ≈ i ragazzi che procurano guai)

 

269)  Pisci fa du caccicciu

(Pisciare fuori dallorinale ≈ fuori argomento)

 

270)  Pui in cirin da stagnu

(Sembrare un girino da stagno)

 

271)  Picc branch

(Dare brancate ≈ per far presto)

 

272)  Perde u scigu

(Perdere il fischio ≈ non aver voce in capitolo)

 

273)  Pass in cavalleria

(Passare fuori controllo)

 

274)  Parl quande pisce a gallin-a

(Parlare quando piscia la gallina)

 

275)  Piccu e strisciu

(Busso e striscio ≈ in fretta)

 

276)  Piggiia in tu streppu

(Prenderla nello streppo ≈ essere fregato)

 

277)  Parl cumme in libru avertu

(Parlare come un libro aperto ≈ chiaramente)

 

278)  Pest lgua in tu murt

(Pestare lacqua nel mortaio)

 

279)  Pass bassi

(Passare bassi ≈ fare freddo)

 

280)  Pass pggiu

(Passare nel vuoto)

 

281)  Pe u sc e pe u no

(Per il si e per il no ≈ nellindecisione)

 

282)  Purt lrbu a prua

(Portare lalbero a prora ≈ trovata inutile)

 

283)  Pass da lArgh

(Passare da Alghero ≈ largheggiare?)

 

284)  Pes chu derisse

(Pesare molto)

 

285)  Pui u Ciometta

(Sembrare il Ciometta ≈ uomo con poca voce)

 

286)  Parl abbrettiu

(Parlare a vanvera)

 

287)  Pass du lu, drenta

(Passare al lato, da vicino)

 

288)  Piggi i scialli

(Prendere gli scialli ≈ per andarsene)

 

289)  Purt via

(Portare via col funerale)

 

290)  Pasquetta nuetta

(Per pasquetta unoretta (di luce))

 

291)  Perde i lrdi

(Perdere i lardi ≈ essere magro)

 

292)  Piggi musche per lia

(Prendere mosche al volo ≈ irascibile)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.