IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Proverbi

 

Proverbi (6)

   

 

 

306)  Taggme man e p e caccme cu m

(Tagliatemi mani e piedi e gettatemi con i miei)

 

307)  Tante teste tante berrette

(Tante teste tante berrette)

 

308)  Tristu chi cazze e dumande aggittu

(Sventurato chi cade e domanda aiuto)

 

309)  Tie ci in pi de mussa che sentu pu de b

(Tira pi un pelo di vulva che cento paia di buoi)

 

310)  Tsta de crva, ca de mun-a, legnu de figu: nu se p invit n amigu

(Testa di capra, coda di morena,  legno di fico: non si pu invitare un amico)

 

311)  Tannesci cumme i primi sinque franchi che m piccu in man

(Che tu vada come le prime cinque lire che mi sono capitate in mano)

 

312)  Ti t a butte pigna e a mugg imbriga

(Vuoi la botte piena e la moglie ubriaca)

 

313)  Ttta lgua a lammorte u fgu

(Tutta lacqua spegne il fuoco)

 

314)  Taggise u nzu e an u sangue n bucca

(Tagliarsi il naso e andare il sangue in bocca)

 

315)  Ttti ghe dvan e niscin u p pag

(Tutti gli devono e nessuno lo pu pagare)

 

316)  Ttte e e nasce funzi

(A tutte le ore nascono funghi)

 

317)  Tegn a figgia affaci u barcun

(Tenere la figlia affacciata alla finestra ≈ per farla innamorare)

 

318)  Tttu vene a taggiu: fin-a e unge pe mund laggiu

(Tutto viene a taglio: persino le unghie per pulire laglio)

 

319)  Tristu chi ha mla vuxe, ma u l ntru che sciacche a nuxe

(Sventurato chi ha mala fama, ma un altro che compie i fatti)

 

320)  Ttte e lasc sun perse

(Tutto il lasciato perso)

 

321)  U pan di tri u lha dette crushte, a chi ne mange u ghe cushte

(Il pane degli altri ha sette croste: a chi lo mangia costa)

 

322)  U cuff u mette a maneggia unde l

(Il coffaro mette la maniglia dove vuole)

 

323)  U diu i fa e u Segnun i fa descruv

(Il diavolo le fa e il Signore le fa scoprire)

 

324)  U peccu celu u le mezu perdunu

(Il peccato celato mezzo perdonato)

 

325)  Unde gh cumandante, min nu cumande

(Dove c comandante, marinaio non comanda)

 

326)  U perch u vegne du pocu savi

(Il perch deriva dal poco sapere)

 

327)  U miu pe f u tortu mugg u s taggiu e cugge

(Il marito per  fare  un  torto  alla  moglie  si    tagliato i coglioni)

 

328)  U ben u nasce a custi e u saccgge a massi

(Il bene nasce a cespuglio e si raccoglie a mazzi)

 

329)  U merlu u laccugiun-e u cru

(Il merlo scherza il corvo)

 

330)  U prve in cumpagnia u pigge mugg

(Il prete in compagnia prende moglie)

 

331)  U piggi u l duse, u pag u l amu

(Il prendere dolce, il pagare amaro)

 

332)  U m u vegne a cant e u se ne va a unse

(Il male viene a quintali e se ne va a once)

 

333)  U c cuntentu u fa a pelle dargentu

(Il cuor contento fa la pelle dargento)

 

334)  U mundu u l de chi su pigge

(Il mondo di chi se lo prende)

 

335)  Uighe ci a da na cosa che a fia

(Volerci pi a dirla una cosa che a farla)

 

336)  U troppu parl u guaste delungu

(Il troppo parlare guasta sempre)

 

337)  Uighe lunsa pe f an z u cant

(Occorre loncia per far pendere il cantaro)

 

338)  U mundu u l rundiu: chi nu sa naveg va u fundu

(Il mondo rotondo: chi non sa navigare va a fondo)

 

339)  U ladru u fa gurdia u padrun

(Il ladro fa guardia al padrone)

 

340)  U miu na pinta, a mugg na pinta e meza

(Il marito una pinta, la moglie una pinta e mezzo ≈ uno peggiore dellaltro)

 

341)  U mundu u l ftu a scarpetta: chi se la leva e chi se la metta

(Il mondo fatto a scarpetta: chi se la leva e chi se la mette)

 

342)  Unde ghe mange du ghe mange tri

(Dove mangiano due mangiano tre)

 

343)  Uighe ci a nasce che a mu

(Volerci pi a nascere che a morire)

 

344)  U bellu e u bun pixan a ttti

(Il bello e il buono piacciono a tutti)

 

345)  V ci a pratica che a grammatica

(Vale pi la pratica della grammatica)

 

346)  Venerd u nu l cumme i tri d

(Venerd non come gli altri giorni)

 

347)  Vende paizi pe n caggiaize

(Vendere paesi per un centesimo)

 

348)  V ci na bun-a vixin-a  che n mla cuxin-a

(Vale pi una buona vicina che una cattiva cugina)

 

349)  Unde mangian avvixinve, unde piccan alluntanve

(Dove mangiano avvicinatevi, dove picchiano allontanatevi)

 

350)  Vira vira cun malissia che u gran u te d gistissia

(Gira gira con malizia che il grano ti da giustizia)

 

351)  Zggia a l vegna a sttman-a a l futta

(Gioved venuto la settimana finita)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.