IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Proverbi

 

Proverbi (1)

   

 

 

1)  Ai gixi dghe a giuxa

(Ai gelosi date la gelosia)

 

2)  A sacrestia a fa limoxina gxa

(La sacrestia fa lelemosina alla chiesa)

 

3)  A maetta a piggie u scitu

(La maretta raggiunge lasciutto ≈ prendere confidenza)

 

4)  Appende a giacca a n bruttu cidu

(Appendere la giacca ad un brutto chiodo (che non regge))

 

5)  A Guletta a l a perdessiun de Tnexi

(La Goletta la perdizione di Tunisi ≈ Chi va alla Goletta non arriva a Tunisi)

 

6)  A chi d da mangi se ghe dixe pu

(A chi d da mangiare si dice padre)

 

7)  Aggittite che u S u taggitte

(Aiutati che il ciel taiuta)

  

8)  A biscia viva nu ghammanche pertzu

(A biscia viva non manca tana)

 

9)  lxe da candia u canavassu u p tia

(Alla luce della candela il canovaccio sembra tela)

 

10)  A morte a nu perdun-e niscin

(La morte non perdona nessuno)

 

11)  A cangi nata a f nimpriza da

(A cambiar natura unimpresa dura)

 

12)  A l loccaxun che fa lommu ladru

( loccasione che fa luomo ladro)

 

13)  A di de nu a l na pula, a di de sc se ghe ne rimette tante

(A dir di no una parola, a dir di s se ne rimettono tante)

 

14)  A cunfidensa a fa perde a riverensa

(La confidenza fa perdere il rispetto)

 

15)  A butte a d u vin cha lha

(La botte d il vino che ha)

 

16)  A morte d crve a l salute di chen

(La morte delle capre la salvezza dei cani ≈ mors tua vita mea)

 

17)  Avine ci in ti p che in ta testa

(Averne pi nei piedi che nella testa ≈ essere troppo ambizioso)

 

18)  An unde fa u pigullu a scexa

(Andare dove ha il picciolo la ciliegia)

 

19)  A donna a ne s n-a ci che u diu

(La donna ne sa una pi del diavolo)

 

20)  Au passu se ghe dixe addiu

(Al passato si dice addio)

 

21)  A salute sensa din a l meza infermit

(La salute senza soldi mezza infermit)

 

22)  A prima a l du can, a segunda a l du crestian

(La prima del cane e la seconda del cristiano)

 

23)  An a toa missa e gotti arrxent

(Andare quando la tavola apparecchiata e i bicchieri sono sciacquati ≈ presentarsi tardi)

 

24)  A chi fa du ben i ni e i nesse u c u ghe pende a pesse

(A chi fa del bene ai nipoti e alle nipoti il fondo dei calzoni pende a pezzi)

 

25)  A vurpe a perde u pi ma u vissiu mi

(La volpe perde il pelo ma il vizio mai)

 

26)  Avi lurpe sutta lascella

(Avere la volpe sotto braccio ≈ avere astuzia in tutto)

 

27)  A pocu a pocu han ftu Ruma

(A poco a poco hanno fatto Roma)

 

28)  Avi quarcosa sutta u sabbien

(Avere qualche cosa sotto lo zerbino ≈ nascondere qualche cosa)

 

29)  Allrtimu frisci u s accortu che gha u zebubbu

(Allultima frittellina s accorto che cera lo zibibbo ≈ accorgersi in ritardo)

 

30)  A salute nu gh din cha p pag

(La salute non ci sono soldi che la possano pagare)

 

31)  Allev dunde ghe n pe mette dunde nu ghe n peccu nu l

(Togliere da dove ce n per mettere dove non ce n peccato non lo )

 

32)  A pag e a mui gh delungu tempu

(A pagare e a morire c sempre tempo)

 

33)  Adesci u can che dorme

(Svegliare il cane che dorme)

 

34)  Assmen agugge pe piggi panfri

(Seminare aghi per raccogliere pali in ferro)

 

35)  A San Martin se cunte i bar e sattaste u vin

(A San Martino si contano le botti e si assaggia il vino)

 

36)  A lengua a picche dunde u dente u fa m

(La lingua batte dove il dente duole)

 

37)  Anc in figa, duman in sepurta

(Oggi in figura, domani in sepoltura)

 

38)  An a Ruma e nu vedde u Papa

(Andare a Roma e non vedere il Papa ≈ un lavoro incompleto)

 

39)  A tramuntan-a a l a ruffian-a du tempu cattiu

(La tramontana prelude al tempo cattivo)

 

40)  A muigna: lhan fta de sccu e a l sciurta ama

(La matrigna: lhan fatta di zucchero ed uscita amara)

 

41)  A ntte a l a mu du pensamentu

(La notte la madre dei pensieri ≈ per decidere)

 

42)  A vitta a l cumme in saccu de granci: i ci frbi stan de suvia

(La vita come un sacco di granchi: i pi furbi stanno di sopra)

 

43)  A vit a vegne delungu a galla

(La verit viene sempre a galla)

 

44)  Botta riza a nu fa priza

(Botta resa non fa presa ≈ rendere pan per focaccia)

 

45)  Brasse lunghe e lengua crta

(Braccia lunghe e lingua corta ≈ agire di pi e parlare di meno)

 

46)  Bambin u barcun, Pasqua u tissun

(Natale alla finestra, Pasqua al tizzone)

 

47)  Bella in fasce e sussa in ciassa

(Bella in fasce e brutta in piazza)

 

48)  Bezgna sent snn ttte e campan-e prima de d raxn

(Bisogna sentire tutte le parti prima di dar ragione)

 

49)  Beta quella morte che nu vegne accumpagn!

(Beata quella morte che non viene accompagnata!)

 

50)  Batte u fru quandu l cdu

(Battere il ferro quando caldo)

 

51)  Bertu pu puntu u lha persu lze

(Berto per il puntiglio ha perso lasino)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.