IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Proverbi

 

Proverbi (3)

   

 

 

136)  Di dti i fti ghe sun di gren retrti

(Dai detti ai fatti ci sono dei gran ritratti ≈ Dal dire al fare

 

137)  Da zen in l fraidu e famme se fa

(Da gennaio in l freddo e fame si fa)

 

138)  Du navvorde di caccicci chen divent gotti

(Dio ci guardi dai pitali che son diventati bicchieri)

 

139)  Drma ptella cau granciu u vge

(Dormi patella che il granchio veglia)

    

140)  Dunde gh ci passi che buccuin se ghe lasce an i cuggiuin

(Dove occorre spendere pi passi che ricavarci utile si lasciano andare i coglioni)

 

141)  De nuellu tttu l bellu, de staxun tttu l bun

(Del nuovo tutto bello, dello stagionato tutto buono)

 

142)  Dimme chi sun e nu dme chi a

(Dimmi chi sono e non dirmi chi ero)

 

143)  Da ch a duman chi ha n ggiu giancu u ghe vegne nigru

(Da adesso a domani chi ha un occhio bianco gli viene nero)

 

144)  D puvert vegne iniquit; d ricchessa vegne debulessa

(Dalla povert viene iniquit; dalla ricchezza viene debolezza)

 

145)  D e nu d l a stessa cosa

(Dire e non dire la stessa cosa)

 

146)  Dente allevu du cessu

(Dente levato dolore cessato)

 

147)  Diu navvorde di galsci che fuman

(Dio ci guardi dagli stronzi che fumano)

 

148)  Da n malheur ne nasce n bonheur

(Da un male ne nasce un bene)

 

149)  Da nueggia a ghe intre e da ltra a ghe sciorte

(Da unorecchia entra e dallaltra esce)

 

150)  Du prest u d nu gh ninte da lev

(Dal prestare al dare non c differenza)

 

151)  De ci e zenze che i denti

(Durano pi le gengive che i denti)

 

152)  Da roba di tri prestu s vesti e prestu s despgg

(Della roba degli altri presto si vestiti e presto si spogliati)

 

153)  De suvia lisciu, de sutta merda e pisciu

(Di sopra pulito, di sotto merda e piscio ≈ salviamo lapparenza)

 

154)  De pi rusci mancu a vitella l bun-a

(Di peli rossi nemmeno la vitella buona)

 

155)  Di parenti t vegnu, a morte t rissevu

(Dai parenti sei venuto, la morte hai ricevuto)

 

156)  Dppu ftu cumminigami

(Dopo fatto dammi la comunione ≈ quando fatta fatta)

 

157)  gua e fgu: dghe du lgu

(Acqua e fuoco: date luogo)

 

158)  E mugg di min nu sun n vidue n mai

(Le mogli dei marinai non sono n vedove n sposate)

 

159)  E persun-e nu se mezan a prmi

(Le persone non si misurano a palmi)

 

160)  E desgrassie nu vegnan mi sule

(Le disgrazie non vengono mai sole)

 

161)  E pale in sce luegg en ci dse che lam

(Le parole sul cuscino sono pi dolci del miele)

 

162)  E mugg. Serve de giurnu, bagasce de notte!

(Le mogli: serve di giorno, puttane di notte!

 

163)  E mugg: e prime en squassi, e segunde en massi

(Le mogli: le prime sono scope, le seconde sono mazzi)

 

164)  E boxie (pale) en cumme e scxe, appru a n-a ne vegne dexe

(Le bugie son come le ciliegie, appresso ad una ne vengono dieci)

 

165)  F figgie e figgiastri

(Far figlie e figliastri essere parziale)

 

166)  E giastemme n cumme e fgge: chi cacce si arrecogge

(Le bestemmie sono come le foglie: chi le lancia se le raccoglie)

 

167)  F vedde u su c serneggiu

(Far vedere il sole col crivello-setaccio)

 

168)  F du ben e ascurdvene, f du m e arregurdvene!

(Fate del bene e dimenticatevene, fate del male e ricordatevene!)

 

169)  F e desf se guverne u mundu

(Fare e disfare si governa il mondo)

 

170)  F du ben a Gian chu ve cghe in man

(Fare del bene a Gianni che vi caga in mano ≈ niente riconoscenza)

 

171)  Fa chi e nu chi p

(Fa chi vuole e non chi pu)

 

172)  Figgi! cagn! acciappa chi p

(Figlioli! cagnolini! acchiappa chi pu)

 

173)  F re u populu e u cumn

(Far ridere il popolo e il comune ≈ tutti)

 

174)  Fve in scia gua gua

(Fave in fiore acqua alla gola ≈ abbondante)

 

175)  Fa i vermi a s, figte u furmaggiu

(Fa i vermi il sale, figurati il formaggio)

 

176)  Fa ci cantu che campu

(Rende pi un angolino di terra che un campo)

 

177)  F du ben u pu e mu acciocch se vive lungutempu

(Fare del bene al padre e alla madre affinch si viva a lungo)

 

178)  F lrte de Michelassu: mangi, bive e an a spassu

(Fare larte di Michelaccio: mangiare, bere e andare a spasso)

 

179)  Gallin-a che nu raspe a lha z raspu

(Gallina che non razzola ha gi razzolato)

 

180)  I fosci nu se impan de rzo

(I fossi non si riempiono di rugiada)

 

181)  I din de n mercante van in bucca a n birbante

(I soldi di un mercante vanno in bocca a un birbante)

 

182)  In ta maccia metti metti; in ta stada ptti ptti

(Nella macchia carica carica; nella strada peti peti)

 

183)  Intile spremme u limun quande nu gh dgru

(Inutile spremere il limone quando non c succo)

 

184)  I squassi ni spassan ben

(Le scope nuove spazzano bene)

 

185)  I scarp han e scorpe s-cipp

(I calzolai hanno le scarpe rotte)

 

186)  In stu n te n ballu u ghe sta ben na votta

(Un salto in un ballo ci sta bene una volta)

 

187)  I mas-ci en de chi si pigge e nu de chi si fa

(I maschi sono di chi se li prende e non di chi se li fa)

 

188)  In mancansa de cavalli xi u trottu

(In mancanza di cavalli asini al trotto)

 

189)  I din fan parl e taxi

(I soldi fanno parlare e tacere)

 

190)  I gui da pignatta i sa a cassa

(I guai della pentola li conosce il mestolo)

 

191)  In mancansa de cavalli se cavrche a p

(In mancanza di cavalli si cavalca a piedi)

 

192)  I amixi stan ben in sciu schen da porta

(Gli amici stanno bene sulla soglia della porta)

 

193)  In Paradisu nu se ghe va in carossa

(In Paradiso non ci si va in carrozza)

 

194)  I erbui de fighe pie nu ne fan

(I fichi non fanno pere)

 

195)  In bxrdu anche chu digghe a vit u nu l credu

(Un bugiardo anche che dica la verit non creduto)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.