IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Essere... o non essere

 

Essere... o non essere (4)

   

 

 

196)  Esse in scassulu

(Essere in allegrone)

 

197)  Esse u segreto de Pulcinella

(Essere il segreto di Pulcinella)

 

198)  Esse allampanu

(Essere allampanato)

 

199)  Esse bunassa cumme u lte o cumme liu

(Essere bonaccia come il latte o come lolio)

 

200)  Esse imbabiscu

(Essere alticcio)

 

201)  Esse in bravn

(Essere un bonario)

 

202)  Esse in ravacou cascu

(Essere un cavolo rapa duro ≈ stupido)

 

203)  Esse inviperu

(Essere inviperito)

 

204)  Esse na ciatta du novesentu

(Essere una chiatta del novecento)

 

205)  Esse na sciunza de gallin-a

(Essere una sugna di gallina)

 

206)  Esse spuetizu

(Essere spoetizzato ≈ disgustato)

 

207)  Esse indigestu

(Essere indigesto ≈ di cose e di persone)

 

208)  Esse cumme e prumisse di main

(Essere come le promesse dei marinai)

 

209)  Esse de nzu dritu

(Essere di naso diritto ≈ presuntuoso e puntiglioso)

 

210)  Esse fralascu

(Essere falloso)

 

211)  Esse in balansa

(Essere in bilico)

 

212)  Esse in carlev

(Essere un carnevale ≈ poco serio)

 

213)  Esse in frigugnn

(Essere un impertinente curiosone)

 

214)  Esse in pappn de strassa

(Essere un fantoccio di straccio)

 

215)  Esse in scannagattu

(Essere un coso piccolo di statura)

 

216)  Esse in stucciadini

(Essere un salvadanaio)

 

217)  Esse lrtima ra du cru

(Essere lultima ruota del carro)

 

218)  Esse na borca buzinca

(Essere una barca di Bosa ≈ con carico disordinato)

 

219)  Esse na manteca

(Essere un lustro per scarpe ≈ capitare a fagiolo)

 

220)  Esse na sbrazua

(Essere una civetta ≈ sbraitone)

 

221)  Esse servissiante

(Essere militare)

 

222)  Esse u burdellu du gussu

(Essere il bordello del gozzo)

 

223)  Esse pstu cumme u muscatellu

(Essere pigio come il moscato)

 

224)  Esse na pgua nigra, ranga

(Essere una pecora nera, zoppa ≈ indisciplinato)

 

225)  Esse na bucca de mussa

(Essere una bocca di vulva ≈ avere pretese)

 

226)  Essighe u ventu tra

(Esserci il vento verso terra)

 

227)  Esse in sciu sc

(Essere sullo scalo ≈ per scivolare)

 

228)  Esse in piamusu

(Essere un permaloso)

 

229)  Esse in strufuggiu

(Essere di poco valore ≈ pasticcio anche di pasta dolce)

 

230)  Esse in mortu in ta cascia

(Essere un morto nella bara ≈ di chi stecchito)

 

231)  Esse in fanfarun

(Essere un fanfarone)

 

232)  Esse in ciazza rumona

(Essere in spiaggia romana ≈ noto a tutti)

 

233)  Esse na tancua

(Essere una tarantola)

 

234)  Esse equipaggiu

(Essere equipaggiato ≈ attrezzato di tutto)

 

235)  Esse cumme u seressi de Carlucci

(Essere come il clistere di Carlucci ≈ serviva tutti gli ammalati)

 

236)  Esse ci mortu che vivu

(Essere pi morto che vivo ≈ strapazzato)

 

237)  Esse destru

(Essere distrutto ≈ strapazzato)

 

238)  Esse fin pa pampanella

(Essere fino per la campanula ≈ non intuire)

 

239)  Esse in bastassu o bastasciu

(Essere un facchino robusto)

 

240)  Esse in cataprximu de smensa de lin

(Essere un cataplasma di semi di lino ≈ buono a nulla)

 

241)  Esse o parl cumme in libbru avertu

(Essere o parlare come un libro aperto ≈ chiaramente e bene)

 

242)  Esse in mangia e biva

(Essere un mangia e bevi ≈ cosa facile)

 

243)  Esse in gaggin de gallin-e

(Essere una stia di galline ≈ dove c fracasso)

 

244)  Esse in regid

(Essere un dirigente)

 

245)  Essighe in puttn

(Esserci una fanghiglia)

 

246)  Esse insteccu

(Essere ben nutrito)

 

247)  Esse lesercitu de Francischiellu

(Essere lesercito di Francischiello)

 

248)  Esse na cubedin-a

(Essere un tino per pigiare)

 

249)  Esse na massa intisa

(Essere una massa intesa ≈ daccordo)

 

250)  Esse na pudrga

(Essere una podagra ≈ lenta)

 

251)  Esse speranse murfulene

(Essere speranze inutili)

 

252)  Essighe gramegniu

(Esserci come la gramigna ≈ fitto)

 

253)  Esse aleguu

(Essere esile)

 

254)  Esse cumme a tra di Pescetti

(Essere come la terra della regione dei Pescetti)

 

255)  Esse dossu burdossu

(Essere ammucchiato disordinatamente)

 

256)  Esse gnnu

(Essere stretto)

 

257)  Esse in b culludu

(Essere un bue non castrato)

 

258)  Esse in frigun

(Essere una pertica per spazzare forni)

 

259)  Esse in mlazintragna

(Essere un musone)

 

260)  Esse in pancttau

(Essere un posapiano ≈ grasso)

 

261)  Esse in sardettu accurdu

(Essere un sardetto a servire)

 

262)  Esse na bambulin-a lencia

(Essere una bambola di panno lenci)

 

263)  Esse in tu Verbum cu

(Essere nel Verbum caro ≈ momento cruciale)

 

264)  Esse in bucca de n cannun

(Essere sulla bocca di un cannone ≈ sulla bocca di tutti)

 

265)  Essighe u ventu de fa

(Esserci il vento di fuori)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.