IL DIALETTO

 

 

 

 

> Il Dialetto > Idiomi popolari > Proverbi

 

Proverbi (4)

   

 

 

196)  Linvernu nu sau mange i ratti

(Linverno non se lo mangiano i topi)

 

197)  Lav a testa a lze se ghe rimette lesca e son

(Lavar la testa allasino ci si rimette lisciva e sapone)

 

198)  Lgua queta a rumpe i punti

(Lacqua cheta rompe i ponti)

 

199)  La u tempu che ligvan i chn cu sassisse

(Era il tempo in cui legavano i cani con le salsiccie)

 

200)  LEpifania ttte e feshte a si porte via, vegne carlev e u si turne a remurc

(LEpifania tutte le feste si porta via; viene carnevale e le rimorchia di nuovo)

 

201)  Ln-a in barchetta main in cuccetta

(Luna coricata marinaio in cuccetta a dormire ≈ tempo buono)

 

202)  Lommu u l cumme u porcu: u se giudiche quande u l mortu

(Luomo come il porco: si giudica quando morto)

 

203)  Lam e a tusse en due cose che nu stan cuerte

(Lamore e la tosse son due cose che non stanno coperte (nascoste))

 

204)  Lxe a lun-a e bun tempu fa, chi l in c dtri se ne vagghe in c

(Luccica la luna bel tempo fa, chi in casa daltri ritorni in casa propria)

 

205)  Ligh a crva in ta vigna: quellu che fa a mamma fa a figgia

(Legate la capra nella vigna: quello che fa la mamma fa la figlia)

 

206)  Lgua psa a fa i bgetti

(Lacqua ferma fa i girini)

 

207)  Ligh a cagna ch u can u l ligu

(Legate la cagna ch il cane legato)

 

208)  Lira da sia lascvia pa mattin

(Lira della sera lasciatevela per il mattino)

 

209)  Lrbu de fighe u nu p f pie

(Il fico non pu fare pere)

 

210)  Lig lze dunde u padrun

(Legare lasino dove vuole il padrone)

 

211)  Lerba voglio a nu cresce mancu in tu giardin du Re

(Lerba voglio non cresce nemmeno nel giardino del Re)

 

212)  Lggiu du padrun u guverne u cavallu

(Locchio del padrone vigila il cavallo)

 

213)  Loxellu che l in gaggia su nu cante dam u cante de raggia

(Luccello che in gabbia se non canta damore canta di rabbia)

 

214)  Muffua e axu en due cose che nu van

(Muffa e aceto son due cose che non vanno)

 

215)  Madonna de Candelora de linvernu siamo fora; tra catti e bun quaranta giurni ghe n ancun

(Madonna della Candelora: dallinverno siamo fuori; tra cattivo e buono 40 giorni ci sono ancora)

 

216)  Megiu rissivine che fne

(Meglio riceverne che farne)

 

217)  Megiu esse padrun de n canottu che sociu de na borca

(Meglio essere padrone di un canotto che socio di una barca)

 

218)  Mangi quande sha fame e durm quande sha snnu

(Mangiare quando si ha fame e dormire quando si ha sonno)

 

219)  Mgiu na qugia in man che na pernixe per lia

(Meglio una quaglia in mano che una pernice per laria)

 

220)  Mu pietuza figgi tignuzu

(Madre pietosa figlio viziato)

 

221)  Mortu n Papa se fa in Papa e in Cardinle

(Morto un Papa si fa un Papa e un Cardinale)

 

222)  Mamma e giggia luntan sentu miggia

(Mamma e figlia lontano cento miglia)

 

223)  Mrta a refe gran

(Malta rifiuta grano ≈ quando uno rifiuta qualche cosa)

 

224)  Megiu in ze vivu che na sciensa morta

(Meglio un asino vivo che uno scienziato morto)

 

225)  Megiu na bun-a vuxe in ciassa che sentu sci in ta stacca

(Meglio una buona voce in piazza che cento scudi nella tasca)

 

226)  Megiu fse impicc da n boia vegiu

(Meglio farsi impiccare da un boia vecchio ≈ servirsi di chi ha pi esperienza)

 

227)  Mangi pan , bive vin e futtisene du capputtin

(Mangiar pane, bere vino e fregarsene del cappottino)

 

228)  Mussa e belin van delungu daccordu

(Vulva e pene vanno sempre daccordo)

 

229)  Mrta a vacca sparta a sessia

(Morta la vacca spartita la provvista)

 

230)  Nu avi de sangue in t ven-e

(Non avere sangue nelle vene)

 

231)  Na boxa pe scza a nu l peccu

(Una bugia per scusarsi non peccato)

 

232)  Nu existe donna netta cha nu lgge a lecca

(Non esiste donna pulita che non abbia macchia)

 

233)  Na votta setteman-a: na vita san-a

(Una volta la settimana: una vita sana)

 

234)  Nu existe pignatta sensa cuerciu

(Non esiste pentola senza coperchio)

 

235)  Na votta u d pensaci t

(Una volta al giorno pensaci tu)

 

236)  N de mazzu n de mazzun nu stve a lev u pellissun e de zgnu putu ancun

(N di maggio n di maggione toglietevi il pelliccione e in giugno portatelo ancora)

 

237)  Nu ghe n e nu ghe ne dixe

(Non ce n e non ne serve)

 

238)  N pe nzu, n pe bucca na donna a se p di sussa

(N per il naso n per la bocca una donna pu dirsi brutta)

 

239)  Nu nho e nu nho da d: sun ci riccu che u m

(Non ne ho e non ne devo dare: sono pi ricco del mare)

 

240)  Nu st a f i cunti che u diu u rumpe

(Non fare conti ch il diavolo li rompe)

 

241)  Nu gh regin-a che nu agge bezgnu da so vixin-a

(Non c regina che non abbia bisogno della sua vicina)

 

242)  Na man a lve ltra e ttte due lvan a faccia

(Una mano lava laltra e tutte due lavano la faccia)

 

243)  N pe trtu n pe raxun nu stve a f mette n prexun

(N a torto n a ragione non fatevi mettere in prigione)

 

244)  Nu gh sabbu sensa su cumme nu gh c sensa am

(Non c sabato senza sole come non c cuore senza amore)

 

245)  Nu adesci u can che dorme

(Non svegliare il cane che dorme)

 

246)  Ogni frtu ha a so staxun

(Ogni frutto ha la sua stagione)

 

247)  Ogni testa a l in mundu

(Ogni testa un mondo)

 

248)  ie russe: o che cive o che buffe

(Nuvole rosse: o che piova o che soffi vento)

 

249)  Ogni biscia ha u so velenu

(Ogni biscia ha il suo veleno)

 

250)  Nu sta a f tantu u gallu perch t in ggiu bun e ltru de crestallu

(Non fare tanto da gallo perch hai un occhio buono e laltro di cristallo)

 

251)  Nu gh na bella rza cha nu divente in grattac

(Non esiste una bella rosa che non diventi un grattaculo ≈ fastidio)

 

252)  Ommu che cianze, donna che ze e cavallu che se, sun tr cose che nu due

(Uomo che piange, donna che giura e cavallo che suda son tre cose che non durano)

 

253)  xi de mazzu, gatti de zen e donne de carlev, nu gh corda chi p lig

(Asini di maggio, gatti di gennaio e donne a carnevale, non c corda che le pu legare)

 

254)  O che ti m da futte o che ti m z futtu

(O che mi devi imbrogliare o che mi hai gi imbrogliato)

 

 

 

 

 

Testi estratti da "DA TABARKA A S. PIETRO - Nasce Carloforte" di Giorgio Ferraro

Alcune immagini sono prelevate da "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.