> Gente di Mare > L'economia tabarchina e le Guerre Mondiali

 

Le barche a motore

  

  

All’inizio del secolo scorso, oramai quasi tutti i velieri erano dotati di propulsore ausiliario. L’avvento del motore e della macchina creò in questo periodo una nuova categoria di esperti marinai: i motoristi ed i macchinisti, appunto. Anche questi specialisti si distinsero per la grande capacità e tennero alto il nome della marineria carlofortina al pari dei loro colleghi di coperta.

Una delle prime imbarcazioni dotate di motore a scoppio fu, già nel 1905, il rimorchiatore "Henry" della società Malfidano; esso veniva utilizzato per trasportare le chiatte in partenza da Carloforte sino ai luoghi di imbarco del minerale.

 

L’avvento della motorizzazione si ebbe al termine della Prima Guerra Mondiale, quando furono recuperati motori a benzina di vecchie automobili e di carri armati adattati al funzionamento a gasolio per mezzo di un particolare gasificatore. In realtà i meccanici motoristi, durante il loro periodo di leva, avevano seguito corsi di qualificazione presso gli arsenali militari e, forti di questa esperienza e del titolo conseguito, valido agli effetti civili, esercitarono la nuova professione.

 

Il costo elevato del motore impedì dapprima alla gran parte dei piccoli armatori di usufruire dei vantaggi che il suo acquisto avrebbe comportato, non ultimi la sicurezza della navigazione e, aspetto non trascurabile, la possibilità di effettuare più viaggi.

Lentamente, però, il motore andò ad equipaggiare la totalità delle barche carlofortine, grazie ai motori di derivazione automobilistica che i meccanici-motoristi di Carloforte adattarono alla navigazione. Fu un grande beneficio per l’economia di San Pietro poiché si dava ai piccoli armatori la possibilità di attrezzare le proprie barche con potenti motori evitando l’acquisto di un propulsore nuovo a quei tempi dal costo troppo elevato.

 

 

 

 

 

Testi estratti da "GENTE DI MARE - Vicende e personaggi della Marineria dell'Isola di San Pietro" di M. de Francesco e A. Leone

Immagine prelevata dalla copertina di "CARLOFORTE, ISOLA DI SAN PIETRO" di Antonio Torchia

 

 

 

 

 

 

 

Web Site designed and created by R. S.
Hieracon.it - Tutti i diritti riservati.
All rights reserved. Vietata la riproduzione anche parziale.